mercoledì 5 novembre 2008

Cinghiale brasato all'aceto di mele



polpa di cinghiale
aceto di mele a bassa acidità, un bicchiere
brodo vegetale, un bicchiere
soffritto, 3 cucchiai
alloro, 1-2 foglie
zucchero di canna, 1 cucchiaio
strutto
sale grigio
pepe nero in grani
Rosolare la polpa di cinghiale nello strutto fino ad ottenere una crosticina croccante ed uniforme.
La rosolatura e la successiva cottura deve essere fatta in una pesante pentola di ghisa, in caso contrario rinunciate.
A parte fare bollire per alcuni minuti l'aceto di mele ed il brodo vegetale. L'aceto di mele deve essere fatto in casa, in caso contrario o rinunciate o lo sostituite con 2/3 di sidro ed 1/3 di aceto di mele industriale. Ma non è la stessa cosa, consiglio di rinunciare.
Versare nella pentola di ghisa il liquido bollente, aggiungere gli altri ingredienti e coprire con il pesantissimo coperchio.
Cuocere in forno a 150° per 3-4 ore a seconda del peso della carne.
La carne deve essere abbastanza grassa, in caso contrario ggiungere un paio di cucchiai di lardo pestato a tutti gli altri ingredienti.
A cottura terminata, togliete la carne e conservatela coperta con un foglio di alluminio in forno caldo a 60°. Filtrate il fondo di cottura e fatelo restringere ed addensare aggiungendo eventualmente un cucchiaio di farina di riso.
Servite la carne a tocchi nappata con la salsa.

1 commento:

sofia f ha detto...

ma come "rinunciate"!!!!
s.