domenica 6 settembre 2015

Gazpacho cocktail


Gazpacho cocktail, un wine drink ispirato al più classico Bellini (pesca bianca e Prosecco).
Gli ingredienti sono quelli del Gazpacho Andaluso, in proporzioni tali da non renderlo un piatto ma, appunto, un cocktail.


Pomodoro ben maturo, cetriolo, peperone rosso, cipolla rossa, basilico. In quest'ordine anche per le quantità.
3/4 di pomodoro, 1/4 di cetriolo peperone e cipolla rossa in dosi minime, una piccola foglia di basilico per bicchiere.
Niente pane né aceto né aglio.
E nemmeno il frullatore, ma un estrattore per succhi o una centrifuga.


Verdure a decorare e cannuccia (evita di sporcare il bicchiere al primo sorso, inevitabile per la densità seppur minima del cocktail).
Quindi bollicine e ghiaccio. Per coerenza geografica o quasi, un Cava brut. 
Il Cava è un metodo tradizionale, come Champagne ed Alta Langa, da uve autoctone, xarel-lo, macabro e parellada, coltivate nel Medio Penedés (Catalogna, Barcellona per fissare la zona e non associare il Cava all'Andalusia).
Parlando di un wine cocktail, non è necessario stappare una magnum di Segura Viudas dimenticata da 15 anni in cantina, o un Juvé y Camps Reserva. Un Cava base, come stile e come costo, è ottimo.



Sherry fino, vino praticamente introvabile in Italia per il gusto secco ed ossidato lontano dai nostri gusti, da provare invece del Cava.

In accompagnamento, un tempura di bucce di patate.

sabato 25 aprile 2015

Dolcetto d'Alba Ercolino 2013, Rivetto


Dolcetto d'Alba doc 2013
Ercolino
Rivetti

Acquistato su tannico.it
Fascia di prezzo 10€

Limpido, rosso rubino con riflessi porpora, consistente

Intenso, complesso e fine
Fruttato, speziato, floreale, vinoso e franco: frutti rossi, ciliegia, pepe, viola, mandorla

Secco, caldo ed abbastanza morbido
Fresco, tannico ed abbastanza sapido
Equilibrato
Abbastanza intenso, abbastanza persistente e fine
Di corpo e pronto

Cosa mi piace
Dolcetto gastronomico, nessun struttura imponente da non renderlo bevibile se non in degustazione.
Evolve bene nel bicchiere, tipicità nel colore e profumo, con note di mandorla. col tempo note alcoliche e vegetali. In bocca il freschezza e tannino si fanno sentire.

L'abbinamento
Di tradizione il Dolcetto mi richiama il coniglio, ed una fetta di salame come antipasto.
Coniglio stufato con lenticchie, carote ed aglio. Ricetta francese. In questa stagione carote novelle ed aglietti freschi se non fosse il 25 aprile ed il mercato chiuso per festività.
In foto la preparazione.